Quando si inizia a riflettere su dare vita a un nuovo progetto imprenditoriale, le incombenze e le difficoltà sono davvero tante. Soprattutto se il proprio paese è l’Italia, gli intoppi burocratici sono tantissimi (oltreché ovviamente le spese da sostenere). Occorre dedicare del tempo alla pianificazione strategica.

Si tratta infatti di tempo per nulla perso, anzi ragionare bene su come muoversi ci può aiutare a minimizzare gli errori che in seguito possono farci perdere anche tanti soldi. Le statistiche sulle nuove attività imprenditoriali purtroppo sono impietose.

La metà dei nuovi progetti imprenditoriali “muore” dopo solo un anno di attività. Si tratta con buona probabilità di imprenditori in erba che si sono lanciati in qualcosa senza cognizione di causa, scontrandosi con un mercato, o inesistente, o nella maggior parte dei casi già con competitor ben posizionati.

Per questo motivo in fase di pre-analisi bisogna dedicare del tempo alla redazione di un business plan che vada a coprire tutti gli aspetti legati alla nostra nuova attività. La redazione di un business plan professionale richiede competenze e strumenti idonei, a partite proprio da un buon software che ci semplifichi il lavoro. Vediamo le caratteristiche che un buon software per business plan dovrebbe sempre possedere.

Le caratteristiche di un software per business plan

La caratteristica basilare di un software per i business plan ben fatto deve essere la relativa semplicità. Il programma infatti dovrebbe consentire anche a chi non ha elevate conoscenza tecniche un facile utilizzo (ovviamente una certa dimestichezza “informatica” serve sempre).

Il software poi dovrebbe essere piuttosto flessibile. Ciò per poterlo adattare a qualsiasi attività, semplicemente variandone dati e caratteristiche specifiche. Un buon programma per i business plan, una volta personalizzati i dati relativi alla propria attività, dovrebbe in automatico generare bilanci e previsioni di fatturato (con i relativi documenti, possibilmente in formato Excel).

La possibilità poi di poter disporre di assistenza tecnica da parte del venditore è un plus in più che può essere di grande aiuto soprattutto all’inizio. Riguardo ai costi, in genere i software di questo tipo hanno formule diverse. Alcuni sono in abbonamento, altri si paga invece una tantum e si può utilizzare il programma per sempre senza alcuna limitazione.

Sul mercato esistono diverse opportunità di scelta quando ci si muove per acquistare un software per il proprio piano di business. Una soluzione professionale e ben fatta la si può trovare proprio sul sito Software Business Plan.

Perché un business plan è essenziale

Ovviamente acquistare il software è solo il primo tassello, poi il business plan bisogna redarlo. Un business plan è essenziale per tanti motivi, li riassumiamo però sostanzialmente in due:

  • Si tratta del documento che presenteremo a un potenziale socio o investire. Quindi il documento che ad esempio portiamo in banca e da cui dipende anche la concessione del credito (che nella stragrande maggioranza dei casi è essenziale per dare vita a una nuova attività).
  • Il business plan è il momento quando si mette nero su bianco tutto ciò che riguarderà il nuovo progetto. Organizzazione aziendale, prodotti o servizi, analisi mercato e competitor, strategie di marketing, piano economico e finanziario. Dunque ci si può rendere conto di punti di forza e spiragli del mercato dove ci si andrà a inserire. Fare una buona pianificazione è il modo per sfuggire le statistiche che vedono la chiusura di una nuova attività poco dopo la sua stessa apertura.