Il pellet è un combustibile di origine vegetale che viene prevalentemente utilizzato per il riscaldamento domestico o per l’utilizzo in ambito industriale. Questo combustibile nasce dall’esigenza di riutilizzare gli scarti del legno essiccato e pressato per ottenere un cilindro dal diametro di 10 mm e una lunghezza di 3 cm. Questo materiale riesce a soddisfare perfettamente la richiesta di energia in combinazione con i moderni principi eco-sostenibili, riducendo infatti l’utilizzo dei comuni combustibili inquinanti.

Consumi del Pellet

Il calcolo dei consumi del pellet non è una procedura semplice, infatti è necessario considerare diverse variabili tra cui la tipologia di stufa utilizzata, la lunghezza dei periodi invernali e la capacità d’isolamento termico della propria abitazione. È possibile però utilizzare una formula che può, con buona approssimazione, semplificare un minimo i calcoli necessari per verificare il livello di consumi di Pellet:

Χ = β * У * δ * σ

La X della nostra formula rappresenta la quantità di pellet di cui abbiamo bisogno annualmente. β è il numero di giorni che costituiscono i nostri inverni. Y è il numero di ore in cui teniamo accesa la nostra stufa. δ rappresenta il consumo orario della nostra stufa. σ indica il coefficiente di dimensionamento della nostra abitazione.

Metodi di produzione

La produzione del Pellet parte dalla triturazione del materiale per mezzo di un macchinario detto, trituratore. Una volta aver completato la fase di triturazione, il materiale rimanente viene essiccato in modo tale da ridurre il contenuto di umidità. Una volta concluso il processo di essiccazione, vengono eliminati i corpi estranei metallici presenti all’interno del materiale per mezzo di magneti. Una volta aver ripulito il materiale da eventuali corpi estranei, la massa di materiale triturato ed essiccato attraversa un mulino a martello per essere polverizzato.

La polvere verrà poi setacciata per eliminare eventuali infiltrazioni e poi imballata. Al momento della produzione il Pellet potrà assumere diverse forme a seconda della quantità di materiale ottenuto o in base alle dimensioni dell’impianto in cui si svolge il processo di produzione. Per produrre una tonnellata di Pellet sono necessarie fino a 8 metri di cubi di truciolo e una volta conclusa la procedura di preparazione del materiale, questo viene immesso nelle presse grazie a un trasportatore a coclea. La pressa andrà ad agire sulla composizione del composto trasformandolo in lignina che riveste le fibre cellulose.

Umidità del Pellet

Per determinare il valore di umidità del Pellet viene adottato un processo mediante il quale si fa evaporare l’acqua contenuta all’interno della massa di Pellet, per poi stimare la quantità di liquidi persi in base alla differenza di peso. Perché si possa misurare l’umidità del Pellet, il volume del campione da esaminare dovrà essere posizionato all’interno di un recipiente inossidabile resistente alle alte temperature.

La massa che vogliamo analizzare non deve pesare meno di 300 g ed è consigliabile che abbia un peso compreso tra i 500 e i 700 g. Il campione che desideriamo analizzare verrà posto all’interno una stufa a una temperatura di 105°, la quale verrà sottoposta a un cambio d’aria 3 o 5 volte ogni ora fino a ottenere la completa essiccazione del volume in esame. Il tempo necessario perché l’intero campione sia sottoposto a una completa essiccazione varia in base alle dimensioni del materiale, al riciclo d’aria e anche dal volume occupato dal prodotto. L’umidità del campione deve essere valutata quando il materiale è ancora caldo in modo da evitare che questo assorba umidità dell’atmosfera durante il processo di raffreddamento.

Il Pellet si rivela essere un combustibile estremamente conveniente, in grado di sostituire in alcuni casi i combustibili fossili non rinnovabili. La produzione di questo materiale non comporta un aumento dell’attività di disboscamento utilizzando prodotti di scarto come segatura o scarti di lavorazione. Dal punto di vista energetico il consumo di energia necessario per produrre il Pellet è molto minore rispetto a quello che viene richiesto dal metano o dal gasolio. Nel caso in cui voi siate interessati ad approfondire l’argomento Pellet, su https://www.pellet-blog.it potrete trovare informazioni ancor più approfondite.